Nerone E Poppea

Questo articolo è stato scritto e pubblicato da Maria Seghenzi

Nerone – Gente, arieccome so Nerone. So il più giovane imperatore di tutta la storia de Roma.
Me dicono che so tutto matto, ma so potente ricco e bello. Mi madre, possino ammazzà, per ambizione me fece sposà con Ottavia che eravamo du regazzini  non me piaceva e pure parenti.
Ma a me non me piaceva perché troppo secca, era piatta come na pialla. E poi io già avevo adocchiata un’altra. 
Un giorno mentre stavo a spasso in giro per palazzo, vidi sta bella fia che se stava a immerge in una piscina (vasca) co l’acqua tutta bianca. Me parve strano, come era strano che a bordo della piscina ce stava na somara e degli schiavi che la stavano a munge. Boh!! E poi dicono che er matto so io……
Mi avvicinai e chiesi: a pupa chi sei? E che stai a fa? Me rispose :  

Poppea – Ahò io so Poppea, e mo non te posso risponne, quindi smamma e nun me disturbà.

Nerone – Ma dimme solo che stai a fa!!!!

Poppea – Ah, allora non capisci, c’ho da fààà!! Nun lo vedi?

Nerone – E mica so cecato, ma dimme perché l’acqua de sta piscina è dello stesso colore del latte.

Poppea – Ah, ah,ah, come se vede che non capisci proprio gnente. Lo vedi quel somaro a bordo piscina?

Nerone – M’bhe?

Poppea – Quella è un’asina e gli schiavi la stanno a mugne.

Nerone – E vedo,,,vedo……..allora?

Poppea – Allora il latte che mugnono lo versano dentro la piscina ed io  me ce faccio er bagno.
Sai me devo conservà la pelle bella e morbida perché poi insieme a tutto il resto che me vedi addosso, spero de riusci ad acchiappà  quel gojo de Nerone, che sarà pure matto, come dicono, ma a me me piace na cifra.

Nerone – Ma allora tu non sai che Nerone so io, ma so già sposato.

Poppea – Lo so, lo so, e so pure che quella sciacqua lattuga de Ottavia te l’ha accollata tu madre, ma a me me piaci lo stesso e un giorno spero de riuscì a conquistatte.

Nerone – A Poppea, non serve mica aspettà, a me già me attizzi tanto. Dai vje qua, fatte da n’bacio con la lingua, col risucchio..

Poppea – Eccome no!!! Me desideri ? me voi ? beh allora ripudia prima tu moje e poi ripassa, io intanto me conservo bella e morbida facendo il bagno col latte de asina.

Nerone – Allora dai, consijame, come posso fa pe ripudia mi moje ?   Io non possso fallo, se lo viè a sape mi madre, quella mammazza!!

Poppea – Aho, svejete l’imperatore sei te, mica tu madre. Si lei non vole e non sente raggioni, ammazzala, na vorta morta lei, ripudi Ottavia e sposi a me.

Nerone – Sai che c’hai proprio raggione, io benché matto, a questo non c’avevo proprio pensato.
Allora…….. prima faccio ammazza mi madre, però deve sembrà come na cosa naturale, ripudio Ottavia e poi se sposamo noi due.

Poppea – Ahò a regà è stato proprio facile, più facile di quanto pensassi. Nerone ha fatto ammazza la madre, ha cacciato Ottavia e poi se semo sposati. E mo l’imperatrice  de Roma so io. A regà più facile de cosi se more!!!!

Un commento su “Nerone E Poppea

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: