Nerina Piras

I miei racconti…

Giacomo e la Ninfa

Questo articolo è stato scritto e pubblicato da Nerina Piras. Giacomo sbarcò per la prima volta al Porto di Civitavecchia una domenica primaverile, scese dalla nave di Crociera e si trovò davanti all’antico Forte Michelangelo, così imponente, così fiero di sé.Aveva solo un giorno per visitare la città, si sa,…

Vota:

Leggi Tutto

La Principessa e la Gattara

Questo articolo è stato scritto e pubblicato da Nerina Piras e Simona Gaudenzi. “Buongiorno come sta oggi la mia Principessa?”“Bene, papà bene, c’è il sole, hai visto? vai anche oggi a lavorare? non rimani a giocare con me?”“No tesoro, devo andare, il lavoro mi chiama, tanto resterai con la Tata,…

Vota:

Leggi Tutto

Io Indio

Questo articolo è stato scritto e pubblicato da Nerina Piras. Sono uscito ora da un bel bagno ristoratore, ho corso tutto il giorno con i miei compagni di gioco. Sono il primogenito di una famiglia molto importante della mia tribù. I miei nonni mi predicono sempre una grande fortuna, chissà…

Vota:

Leggi Tutto

Vent’anni Dopo

Questo articolo è stato scritto e pubblicato da Nerina Piras. Oggi rovistando tra le vecchie scartoffie, ho notato una lettera ingiallita, mi sono incuriosita, è tanto che non mi metto davanti al Pc, forse è colpa dell’età, e gli acciacchi si fanno sentire tutti. Cammino infatti con il bastone e…

Vota:

Leggi Tutto

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Nerina Piras (Scrittrice)
Chi sono

Chi sono?

mi chiamo Nerina Piras, sono nata a Roma nel 1952, in questa città bellissima, e chissà forse proprio per l’amore che porto a questa città , sono diventata una storica, infatti  sono laureata in “Storia contemporanea” presso l’Università Statale di Roma tre  sull’Ostiense, ma il mio passato è stato abbastanza arduo, venendo da una famiglia di emigranti sardi e poveri. La caratteristica della mia vita è stata la lotta; lotta per un lavoro decente, lotta perché sono una donna, lotta per studiare da adulta, visto le ristrettezze economiche di cui prima, lotta per dimostrare la mia capacità, lotta per essere madre e moglie assieme e così via Lotta da sempre ma poi arriva la sospirata pensione e finalmente inizia la liberà. In pensione si possono realizzare tutte le meraviglie che ti sono recluse quando lavori. Sono un adulta ho 67 anni e mi guardo intorno, inizio con il trasferirmi a Santa Marinella con il mio nuovo marito; qui in provincia, trovo tante amicizie che a Roma impegnata con il lavoro non potevo coltivare più di tanto. Qui nasce la mia passione per il volontariato, che assieme a Rino, mio marito svolgiamo presso il Nucleo Sommozzatori di Santa Marinella, infatti lui è un subacqueo, da parte mia presto la mia opera a terra. Non ancora soddisfatta, divento “curatrice di un libro”, scritto da una mia amica Ivana Tersigni e di Nene Croce, diventata anche lei mia amica. Questo impegno mi da tanta soddisfazione, non certo monetaria, infatti , svolgo questa passione completamente gratis, anzi rimettendoci del mio ogni volta che c’è da presentare il libro e spostarci dal luogo di residenza, ma non importa, sono soddisfatta. Per continuare con il volontariato eccomi di nuovo a svolgere lavoro di amministrazione presso la ASL di Santa Marinella, così da poter aiutare tante persone che sono impossibilitate, per ovvi motivi, a recarsi a Civitavecchia per l’iter delle loro pratiche e riportarle poi qui in sede. Vita intensa quindi, si potrebbe pensare che così basti, ma la mia indole non è paga, così mi cimento in un’altra avventura. il TEATRO, così provo l’emozione di calcare le scene sul palco del Piccolo Gassman di Civitavecchia, un successo? non so, ma per me una grande emozione, che spero vada avanti. Senza dimenticare che sono una camminatrice e iscritta al gruppo amatoriale “Camminate Etrusche” che grazie ad un gruppo di amici e guide ci si incontra per andare a visitare i luoghi attorno alla nostra bellissima città Santa Marinella “La perla del Tirreno”. luoghi sconosciuti ai più, ma pieni di storia e di incanto. Meravigliose esperienze, stancanti ma sempre appassionanti.
Purtroppo però arriva il 2020, funesto per la libertà  personale.
Tutto si ferma.
Tutto si ferma??
Come faccio io a fermarmi?
La storia continua e sicuramente continuerà…!

Iscriviti al nostro blog

Ricevi i nuovi contenuti direttamente nella tua casella di posta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: